Come ci vedono in…

Messico:   Clicca


Argentina:  Clicca


Egitto:  Clicca


Francia:  Clicca

Spagna e Colombia: Clicca

Russia

Svezia

Regno Unito

Taiwan

UPDATE

Uruguay

Finlandia

Io ho deciso di impegnarmi proprio per come siamo visti all’estero.

Nota tecnica: c’è stato qualche problema con i video embedded, chiedo venia

Cos’è che è uscito

Tutti a fare un gran parlare di Wikileaks. In effetti, han tirato fuori di tutto. E nonostante io non sia decisamente un estimatore dell’attuale premier, il fatto che anche gli americani si siano resi conto che è inaffidabile, inadeguato e che non regga più la bella vita che si ostina a fare è sinceramente un fatto secondario rispetto a quello che è uscito, sia riguardo alla politica estera italiana (considerata di fatto subordinata alle esigenze di Mosca e Tripoli, che non è siano proprio i migliori partner in fatto di credibilità internazionale), sia riguardo a tutta una serie di altre questioni decisamente scottanti a livello internazionale, riguardanti anche zone ad alta tensione.

Tanti giornali sono purtroppo rimasti sul folklore delle impressioni e dei pettegolezzi relativi ai vari big internazionali, ma questo è purtroppo quello che succede sempre, cioè che l’appariscente emerga più dell’importante.

Quello che ancora oggi non si può calcolare è l’effettivo impatto della rivelazione di tutti questi cablogrammi non tanto sull’opinione pubblica, quanto sui futuri avvenimenti di politica estera. Dato che siamo in una situazione di crisi e di instabilità, con un buon numero di stati (alleati e non) in mano a dei pazzi scatenati e suscettibili e stiamo assitendo ad un declino inarrestabile del vecchio Primo Mondo nei confronti di nuove potenze emergenti, faremmo più che bene ad essere preoccupati, piuttosto che incuriositi da quest’apertura di un gigantesco vaso di Pandora.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: