Stagione a rischio a Monesi?

Da riviera24.it

I rinnovati impianti sciistici di Monesi rappresentano un potenziale volano economico per l’entroterra imperiese, ma gli ultimi episodi della saga “Alpi Liguri srl” rischiano di danneggiare l’imminente stagione sciistica –  fanno sapere dal gruppo del Partito Democratico in Consiglio Provinciale.

Gli esponenti PD poi aggiungono: Alpi Liguri srl è una società partecipata che si sarebbe dovuta occupare di Monesi e invece si è trovata impegnata su diversi e variegati fronti. Risultato finale: forte passivo di bilancio, talmente significativo da convincere la Provincia a liquidare la società e a prendere l’impegno di gestire la stazione in proprio. Al di là dei molti dubbi sollevati sulle procedure scelte, ora il rischio che si corre è quello di non assicurare l’operatività della stazione nei prossimi mesi: la stagione sciistica, ormai imminente, rischia di essere a “metà del guado” tra la gestione uscente e quella entrante, col rischio concreto in tal caso che il formidabile volano economico che Monesi rappresenta per gli abitanti delle Alte Valli Arroscia e Tanarello non si presenti nella prossima stagione invernale.

Questa interrogazione rappresenta sia uno stimolo ad attivarsi per l’Amministrazione Provinciale sia una testimonianza di quanto il PD sia conscio delle potenzialità e dei problemi della storica località sciistica.

Fenomeni interessanti

Le lettere al direttore di SanremoNews e Riviera24 sono spesso un fenomeno socialmente interessante per provare a comprendere alcuni fenomeni. Ci sono alcuni lettori-scrittori più “habitué” di altri a esternare le proprie opinioni, ma in generale si presentano alcune tematiche molto sentite dal basso.

Il PdL ha imparato a sfruttare questo strumento, creando un sistema simile alla “catena di Sant’Antonio”, in cui si “incoraggiano” i propri appartenenti a esprimere un determinato messaggio a raffica. In pratica, molto probabilmente, parte un preciso ordine di scuderia e tutti si adeguano.

Come GD abbiam pensato bene di prenderli in giro alcuni mesi orsono, ovviamente tramite la stampa on line, quando il coordinatore provinciale PDL Ambesi aveva creato una gigantesca polemica interna al centrodestra durante una convention di partito.

Quest’oggi si è svolta, in campo PdL, una simpatica gara all’insegna della solidarietà. Unica differenza con la tradizione, i destinatari non sono popolazioni bisognose d’aiuto, associazioni di volontariato o bambini in difficoltà, ma è solo il coordinatore PDL rivierasco Ambesi, ritenuto (e giustamente) bisognoso d’affetto.

Questo pomeriggio, dopo un paio di giornate in cui il poverino è stato messo un pochettino sotto accusa da parte del suo stesso schieramento, c’è stato finalmente una spontanea dimostrazione d’affetto a base di comunicati stampa online. I maligni sosterranno che questi sono stati in qualche maniera suggeriti e richiesti dall’alto, ma noi possiamo dare in anteprima assoluta la conferma che non erano solleciti di coccole, cose che avvengono quando le relazioni non funzionano più. Si è trattato invece di una gara a cronometro a chi dimostrava per primo il suo affetto.

Commossi da tanto sentimento spontaneo, i Giovani Democratici della Provincia di Imperia premiano con:

Medaglia di Bronzo: GRAMONDO Gianluca e BREGOLIN Francesco (ex aequo), con il comunicato pubblicato alle 15.06
Medaglia d’Argento: BISTOLFI Filippo, che lo ha preceduto alle 15.03
VINCITORE ASSOLUTO: VERRANDO Roberto, che ha ottenuto la pubblicazione addirittura alle 15,02 !!!

I premi si possono ritirare presso la sede del Partito Democratico di Sanremo. E’ gradita una telefonata di conferma.

Ovviamente lo stesso fenomeno si è ripresentato anche ora che Claudio Scajola pare sia indagato. Lasciamo perdere i toni di molti pidiellini inferociti contro la magistratura cattiva e il sostanziale flop della manifestazione di solidarietà.

La cosa più interessante è che pare che di queste indagini, tra i lettori “normali”, cioè non militanti PdL, non gliene freghi niente a nessuno: l’argomento più dibattuto, alle 13,45 di sabato, paiono essere gli autovelox.

Quasi off topic: la Gelmini non ha ancora convocato il Consiglio degli Studenti Universitari (CNSU) eletto a maggio, per non correre il rischio di avere da questi un giudizio negativo della cosiddetta riforma dell’Università.

Ecco come hanno reagito gli studenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: