Con trasporto civile

La questione trasporto pubblico nella nostra Provincia è spinosa e delicata. Per questo cercheremo di discutere lunedì in commissione e martedì in consiglio di alcune questioni molto spinose relative alla Riviera Trasporti, con specifici ordini del giorno (se verranno messi in discussione).

Il primo problema riguarda il trasporto di disabili in corriera, teoricamente possibile su larga parte della flotta di RT ma nei fatti reso impossibile perchè, di fatto, non sono previste corse garantite con trasporto carrozzine. Uno dovrebbe aspettare alla fermata e sperare di essere fortunato insomma… Di più, anche sulla specifica richiesta di una famiglia per il tragitto scuola – casa di un ragazzo di prima liceo (tra l’altro scuola dell’obbligo) non si riesce ad organizzare un servizio di minima civiltà. Per la cronaca, è compito della Provincia garantire questi servizi.

L’altra questione è stata sollevata invece riguarda il trasporto pubblico nell’entroterra e il nuovo abbonamento integrato per l’intera rete del costo di 48 euro ordinario e 42 scontato ha causato parecchi malumori ed i Giovani Democratici giustamente lo hanno fatto notare. Nei fatti, però tali malumori non sono tutti uguali: ci sono infatti diversi paesi nell’entroterra che hanno un servizio limitato a un paio di corse al giorno e non sono obiettivamente in grado di usufruire di un servizio pari a quello di cui può godere ad esempio chi abita nei centri con servizio urbano o lungo l’Aurelia. Il fenomeno sta portando ad un effetto paradossale: diversi genitori di alunni che frequentano la scuola magari nel paese vicino, facendosi due conti in tasca hanno scoperto che per 20 corse al mese necessarie per la frequenza scolastica è più conveniente darsi dei turni e bypassare il servizio pubblico. Nel frattempo, le corse si fanno ovviamente lo stesso, ma girano vuote. Sarebbe dunque opportuno e conveniente pensare ad opportuni sconti per gli studenti di zone in cui arrivano poche corse.

Per migliorare ulteriormente il servizio poi anche la Provincia può attivarsi in prima persona: non sono infatti poche le strade che con piccoli interventi potrebbero essere collaudate per il transito dei mezzi di linea, che a sua volta potrebbe portare a un maggiore servizio.

OK, cerco di essere più chiaro con un esempio pratico: Pompeiana è collegata a Sanremo da 5 corse al giorno (14 km di linea circa) , Terzorio da due (15 km di linea circa) e tra i due comuni hanno una strada che li collega decentemente di 3 km, che aspetta solo minimi interventi e il collaudo. A quel punto, si potrebbe fare la nuova linea Sanremo – Pompeiana – Terzorio, con un servizio migliore per entrambi i paesi a costo praticamente invariato. Di esempi come questi, se ne potrebbero fare anche altri e sarebbe il caso di mettercisi seriamente a pensare.

Sette ore di esordio

Grande emozione per me al primo consiglio tenutosi ieri dalle 18,30 in poi, e anche tante pacche sulle spalle da parte del personale presente, del Consiglio tutto e della giunta.

A metà serata (abbiamo finito all’1 passata) è passato a trovarci Antonio Ricci (senza tapiri per stavolta), che vedendomi ha esclamato “Presidente Sappa! Questo è sfruttamento di lavoro minorile!”.

Il primo punto all’odg era la surroga del dimissionario Andrea Gorlero. Essendosi dimesso anche Oliviero Olivieri, il qui presente si è potuto sedere tra i banchi del gruppo consiliare PD.

Si è discusso di alcune interpellanze presentate dalla minoranza – principalmente su abbonamenti RT per famiglie e su una discarica abusiva a Pornassio.

Si è poi parlato del Rendiconto di gestione 2010. Il bilancio che ci consegna l’Ente Provincia è sempre più ingessato e il vicepresidente del Consiglio Vassallo ha annunciato che presenteremo alcune proposte per liberare risorse, ora troppo vincolate a spese fisse non modificabili. Durante la replica, il presidente Sappa ha parlato esplicitamente dei danni portati dal Federalismo, tra le facce attonite dei consiglieri leghisti.  Il documento è passato con il voto contrario del nostro gruppo.

Si è poi parlato di alcune modifiche al piano provinciale dei rifiuti. Apprezzando il grande lavoro svolto dalla Provincia (finalmente! dopo 10 anni di gestione approssimativa), si è finalmente su una buona strada, che dovrebbe portare quanto meno a una gestione meno provvisoria e più efficiente dell’attuale. Non abbiamo parlato di cambio di tariffe per Sanremo – gli amici di Bussana sanno a cosa mi riferisco. Restano all’interno del Piano però alcune ipotesi di località “adatte” a ospitare discariche (tra cui il Vallone die Morti di Badalucco e Prau Grande di Pompeiana) che hanno motivato il nostro voto contrario al Piano.

Ulteriore punto è stato un’ulteriore passaggio nella liquidazione della società Alpi Liguri srl, nata per gestire la costruzione e l’avvio della seggiovia di Monesi e che poi si è trovata a gestire altri compiti che non c’entravano nulla (la gestione di Villa Nobel a Sanremo, il controllo delle caldaie o altre cose che di Alpi avevano ben poco). La società si è trovata in crisi di liquidità e ora si sta preparando l’acquisizione da parte della Provincia. Si parla di un buco di quasi due milioni di euro, in massima parte non derivanti dalla gestione degli impianti di Monesi. Espresso il nostro parere di sostegno alle attività di rilancio dell’unica stazione sciistica del Ponente Ligure, abbiamo votato contro per motivi sia politici che tecnici (Fulvio Vassallo infatti ha proposto nel primo intervento un’altra modalità di liquidazione più lineare).

Approvati dalla maggioranza con la nostra astensione gli altri tre punti discussi (piano di bacino dei torrenti Borghetto e Vallecrosia, piano di bacino del torrente Nervia e il programma degli incarichi di collaborazione autonoma per il 2011). Una pratica relativa al Forte di Santa Tecla è stata ritirata dalla discussione.

Come prima serata è stata una bella botta, ma a parte questo non posso che dire che sono esaltato e pieno di voglia di fare. Avrò bisogno di ancora qualche tempo per conoscere meglio tutti i meccanismi, anche se avrò il mio bel da fare visto che tutti i consiglieri e assessori che ho sentito parlare ieri hanno una preparazione davvero invidiabile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: