Anziani, bambini ed atleti

Stamane c’è stata riunione congiunta delle commissioni 1° e 3°. Questi organi sono previsti per “sgrossare” il lavoro delle sedute plenarie del Consiglio ed iniziare a esaminare le pratiche in votazione. Oggi si è trattato di punti di stretto interesse per anziani, bambini ed atleti.

Abbiamo esaminato la mia proposta sull’Albo Provinciale delle Assistenti Provinciali, che è stato accolto favorevolmente dall’Amministrazione e da tutti i gruppi consiliari, con l’impegno dell’Assessore Cristina Barabino a metterlo in atto, visto anche il parere favorevole della struttura. Ovviamente ne sono molto felice.

Abbiamo proseguito parlando della difficile pratica relativa agli accorpamenti scolastici in seguito all’accorpamento obbligatorio delle scuole medie in nuovi istituti comprensivi (ultimo “regalino” fatto alle istituzioni scolastiche dal duo Tremonti – Gelmini), ovvero della definitiva scomparsa di quattro scuole storiche (“Sauro” di Imperia, “Pascoli” e “Alighieri” a Sanremo, “Biancheri” a Ventimiglia). Premesso che siamo ancora in attesa del parere a riguardo del Comune di Sanremo, la situazione espressa dall’assessore Bellotti per ora è “soddisfacente”, nel senso che pur non condividendo per nulla lo spirito, le tempistiche e i contenuti di questa norma taglia-istituti, sono stati accolti numerosi suggerimenti da noi proposti.

Con quel “noi” intendo un tavolo tecnico che abbiamo formato tra i partiti politici dell’opposizione (FdS, Verdi, SEL, IDV, Terzo Polo e ovviamente il Partito Democratico), che ha saputo fare sintesi e articolare una proposta dettagliata, presentata all’Assessore e alla struttura, i cui punti salienti erano:

  • mantenimento dell’Istituto Comprensivo di Pieve di Teco
  • mantenimento dell’attuale organizzazione della sperimentazione musicale ad Imperia
  • mantenimento di due Istituti Comprensivi a Porto Maurizio
  • creazione di quattro Istituti comprensivi a Sanremo, due a Oneglia e due a Ventimiglia

In attesa di sapere cosa delibererà Sanremo, possiamo ritenerci soddisfatti del lavoro svolto. Anche perchè alcune proposte circolate non più tardi di poche settimane fa erano assolutamente insoddisfacenti.

Per concludere, è stata presentata la convenzione con il Comune di Imperia per l’utilizzo del campo di atletica del Prino.

Nel complesso una riunione serena e costruttiva. Si vede che col cambio di stagione, abbiamo sentito un po’ tutti l’aria dei Monti.

Piazze e sedute

Settimana piena, in cui ho preferito dedicarmi alle piazze reali invece che quelle virtuali – e servono tutte e due.

La raccolta firme prosegue spedita in tutta la provincia (qui sopra il No Porcellum Party di Sanremo: a sinistra il banchetto firme, in fondo il bancone dei cocktail), con tanta partecipazione e tanta voglia dei cittadini di dire la loro, e la richiesta comune di farci vedere di più in giro, e il nostro impegno a farlo in compagnia di sempre più persone. Domani mattina Ventimiglia, domani e domenica pomeriggio Sanremo (piazza Colombo angolo via San Francesco) continuiamo ad ammazzare il Porcellum, senza pietà.

Giovedì ho partecipato in Provincia a due riunioni di commissioni in Provincia, una a tema scuole e l’altra a tema sanità: nulla di che (per ora), anche se si preannunciano ventate di tagli in arrivo causa Tremonti e Gelmini che si faranno decisamente sentire.

Bignami

A volte, giornali, tg e co tendono a complicare il quadro, riempiendo di aggiornamenti, di scoop, di notizie dell’ultim’ora notizie che invece andrebbero riportate in maniera più essenziale e comprensibile per il cittadino.
Per cui, riassumiamo:

Il governo Berlusconi è sulla graticola perchè è riuscito a giocarsi la più grande maggioranza parlamentare della storia della Repubblica Italiana. Il Presidente della Camera Fini ha lanciato un suo partito mediante una gigantesca operazione di imeneplastica mediatica, tendente a farci dimenticare quello che per 16 anni ha fatto. Berlusconi e Bossi, ispirati dalla finanza creativa di Tremonti forse, stanno provando a inventarsi di tutto per cambiare Presidente della Camera, dimostrando ulteriormente che stare al Governo quasi un decennio non ha ancora insegnato nemmeno i rudimenti del diritto costituzionale.

Nel frattempo, l’ala dura e pura dell’opposizione ha dimostrato tutta la sua verve propositiva bloccando confronti pubblici con il Presidente del Senato e il leader del secondo sindacato italiano (che, per la cronaca, non stanno simpaticissimi nemmeno a me, ma credo sia più utile comunque confrontarsi con loro che fischiarli).

Chi ci sta rimettendo da tutta questa situazione, ovviamente? Noi tutti, che avremmo diritto ad un governo attivo ed occupato a risolvere i problemi della crisi economica, ma non possiamo fare altro che stare a vedere tutta questa rassegna di scene molto brutte.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: