Un principio base

Stanno saltando fuori diversi attivisti, militanti o generalemente entusiasti per questo o quel candidato alle primarie, che legittimamente sostengono il loro beniamino, ma di fronte alla domanda “ma se il tuo candidato perde cosa fai?” rispondono che non sosterrebbero il vincitore democraticamente eletto in una battaglia che essi stessi riconoscono come legittima. (per la cronaca, uguale discorso l’ho sentito tra sostenitori di Vendola, Bersani e Renzi …).

Questo, scusate il termine tecnico, mi sembra una grossa stronzata. E’ per questo che si firma una dichiarazione, all’atto della votazione alle primarie, di essere elettore dello schieramento per cui si sta andando a votare e di impegnarsi a sostenerlo alle prossime elezioni – quelle per cui le primarie sono fatte.

E’ vero che è solo un obbligo etico, ma è bene ricordare che c’è. Chi non se la sente di prendersi questo impegno, a parer mio può tranquillamente aspettare a casa il risultato, senza andare a intasare le code ai gazebo.

Info alessandrolanteri
Un ottimista che si presta a fare politica per passione

One Response to Un principio base

  1. Enrico Coltri says:

    Reblogged this on Democratico ma non troppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: