Una questione di impegno

Ad un congresso dei Conservatori una volta ho detto che non sarebbe dovuto importare se un impegno fosse tra un uomo e una donna, una donna e una donna o un uomo e un altro uomo e mi hanno applaudito per questo. Cinque anni dopo, siamo parlando di istituire il matrimonio gay. E a chi ha delle riserve, io dico: sì, si tratta di uguaglianza, ma anche di impegno.

I conservatori credono nei legami che ci legano, che la società è più forte quando ci leghiamo gli uni agli altri e ci sosteniamo a vicenda.

Quindi per quel che mi riguarda non sostengo il matrimonio gay pur essendo un conservatore. Sono a favore del matrimonio gay perché sono un conservatore.

David Cameron, primo ministro britannico ad un meeting del Partito Conservatore

Grazie a chi me lo ha fatto notare. Ancora una volta, una dimostrazione che quando si parla di diritti civili non si parla di destra o sinistra, ma di avere più o meno civiltà, tolleranza e rispetto. In Italia ci arriviamo sempre dopo, per il voto alle donne sono serviti una ventina d’anni, per il divorzio alcuni secoli. Vedremo.

Sono sicuro che, come sostengono molti, la priorità per una coppia omosessuale sia avere casa e lavoro, ma ho come l’impressione che a volte questo sia una scusa per evitare la discussione.

 

Info alessandrolanteri
Un ottimista che si presta a fare politica per passione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: