Matrimoni impossibili

Avrete sentito tutti della proposta di tagliare alcune provincie fatta dal Governo per la manovra economica straordinaria. Penso che il criterio scelto (cioè quello basato sulla popolazione) non sia oggettivo e avrei preferito si fossero seguiti altri criteri – efficenza dimostrata, realistica possibilità geografica di accorpamento, etc -. Detto questo, siamo in Italia e passerà ancora tanto tempo.

Il presidente della Provincia Sappa propone una nuova provincia internazionale che metta assieme Cuneo, Nizza e Imperia. Intervento decisamente da “palla in tribuna”, visto che tecnicamente risulterebbe complicatissimo e che, come fanno notare gli amici di Itinera, è tutto da dimostrare che dalla Granda e dalle Alpes Maritimes la cosa sia seriamente presa in considerazione.

Info alessandrolanteri
Un ottimista che si presta a fare politica per passione

8 Responses to Matrimoni impossibili

  1. Sono in questo momento in montagna in Svizzera e leggo quanto hai scritto. Non mi sono limitato a sorridere; ho rischiato il mal di pancia tanto mi è venuto da ridere leggendo quanto ipotizza il Presidente della provincia. Ma come si fa a pensare certe “belinate” quando, dopo tanti anni, non si e’ riusciti a “creare” dei regolari servizi passeggeri fra Imperia e Nizza!
    Ma insomma, se io voglio andare a Nizza da Sanremo devo prendere l’autostrada: intasare e inquinare!
    I Sig. Sappia meriterebbe un bel tapiro d’oro… e qualche sculacciata sulla pubblica piazza.

  2. Stefano Rossi scrive:

    Ciao Ale. Quindi di fondo accettiamo (?) un provvedimento dagli effetti STORICI sconvolgenti e che produrrà un piatto di lenticchie subito, e in seguito una serie di ricadute mostruose in termini di disservizi e ulteriore privazione di risorse per la popolazione. Oltre al discorso ovvio di salvaguardia delle piccole realtà ecc. Quanto al correre ai ripari, Sappa non dice proprio nessuna belinata. Anzi, sarebbe molto più logico accorparsi a Cuneo che a Savona. Ma non conviene affatto ai cuneesi, questo è certo! E accorparsi a Savona svantaggerebbe noi! Men che meno la cosa interessa quelli di Nizza, sono d’accordo in questo. Questa DEMAGOGIA berlingueriana (l’ex ministro della P.I. che iniziò il risanamento della scuola con tagli alle classi e i famigerati accorpamenti degli istituti) oggi dipietrista è disarmante e sconsolante. Non è certo distruggendo le realtà locali che si ricostruisce l’Italia. L’Italia E’ nelle sue realtà locali. O NON è. Quanto al criterio sulle province virtuose caro Ale, mi ricordo una coppia di amici quando mi disse: abbiamo risparmiato una vita per sentirci dire da nostri conoscenti che siamo fortunati rispetto a loro ad avere una casa (col mutuo). Loro però a mangiare bere e divertirsi e vacanze ecc. Nel caso delle province ( come nelle ASL del sud ) interverrà lo stato a ripianare chi ha speso e spanto. Ma ti sembra giusto?

    • Motivi logici che facciano preferire un eventuale accorpamento con Cuneo piuttosto che con Savona non ne vedo molti. L’unico motivo potrebbe essere l’omogeneità di colore politico storica, ma Savona e Imperia assieme diventerebbe un territorio contendibile dagli schieramenti e molto meno feudale, ed una realtà di oltre mezzo milione di abitanti riuscirebbe a bilanciare meglio una Genova città metropolitana di 600.000 circa.

      Il limite grosso riguarda però la logica che sta dietro il taglio: nessun ragionamento di “merito”, ovvero su quali provincie siano efficienti e quali no. piccolo confronto su dove stanno le vere spese? La retribuzione e il numero dei dirigenti:
      Savona http://www.provincia.savona.it/provincia/organi_governo/operazione_trasparenza/doc/retribuzione_dirigenza/2010.pdf
      Imperia Imperia http://www.imperiaparla.it/?p=4765

  3. Premetto che ho abitato lungo tempo, e lavorato, in provincia di Imperia e ho un affetto particolare per la provincia di Imperia.
    A parte il fatto che, se fossi ancora residente in provincia, mi piangerebbe il cuore nel sentir dire che una così storica provincia debba sparire per essere accorpata ad una provincia che ha una fisionomia completamente diversa, credo che, non sia questa la strada per salvare l’Italia e neppure quella di accorpare Imperia a Nizza.
    La Nazione, partendo dal piccolo di una provincia, si salva se il cittadino può lavorare assistito da una burocrazia “snella” con dei servizi pubblici funzionanti (Bus, Treni e Poste); se il cittadino, evitando di essere “furbetto”, versa regolarmente allo Stato i giusti “contributi” che lo Stato, da parte sua “restituisce” al cittadino sotto forma di Servizi e altro.
    La provincia di Imperia dovrebbe essere prettamente turistica. L’avete distrutta. Svegliatevi invece di perdere altro tempo.

  4. Stefano Rossi scrive:

    Caro Ale, pensavo che non ragionassi in termini di convenienza politica. Cosa vuol dire che con Savona saremmo più equilibrati? Che così il centrodestra non vincerebbe più finalmente? E questo sarebbe un buon motivo? Non credo volessi dire questo… Cuneo è una provincia MERAVIGLIOSA (ancora, per adesso…) ed è logicissimo sperare di farne parte, diciamo così. Forse ci farebbero funzionare loro. O forse…meglio che resti lì com’è. Sanremo e /o Savona riuscirebbero prima o poi a contaminare anche il santuario di Vicoforte! Ma comunque: e RI-eliminiamo quelle scandalose realtà provinciali nate negli ultimi anni e non avremo risolto NIENTE lo stesso ma almeno… Ciao Ale

  5. Io non ne faccio una questione di convenienza politica. ma il centrodestra lo ha appena fatto con la proposta della regione CNIMSV.

    Cuneo è una provincia meravigliosa, ma non mi pare omogenea a noi per essere amministrata assieme a noi.

  6. Stefano Rossi scrive:

    Certo che non è omogenea. E’ meravigliosa… Ma l’omogeneità con Savona dove sarebbe? E’ come quando hanno accorpato Classico e Scientifico perchè TUTTI erano convinti che fossimo OMOGENEI, semplicemente perchè coinquilini. Con conseguenze che solo le persone più sensibili colgono e che non si possono dire però. La verità è che Imperia ha una specificità derivante proprio da come è fatto il territorio ligure, esteso da ovest a est e difficoltosissimo da percorrere. Da sempre è così anche per le realtà scolastiche. Ma erano proprio tutti scemi quelli che hanno istituito le province più antiche? QUESTO è un criterio. Preferirei andare in un’ora e mezza a Cuneo comunque che nello stesso tempo a Savona, questo è certo… ma che bella discussione!! 😉

  7. Pingback: Nizza e Genova si avvicinano; a nostra insaputa « Alessandro Lanteri's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: