Esserci per calcolo

Ennesime polemiche su giorni, feste e ricorrenze in cui qualcuno gioca a non riconoscersi o a farle sue più di  tutti gli altri. Beh, io sono orgoglioso di poter partecipare a testa alta in tutte le ricorrenze nazionali e di potermi rispecchiare nei valori che esse rappresentano.

Nel resto del mondo, nessuno fa polemiche sul celebrare date fondamentali per la storia del proprio Paese, come l’avvento della democrazia, la fine di una dittatura, l’unificazione nazionale, il ricordo di tragedie collettive o festeggiare diritti sociali acquisiti. E tra l’altro, è doveroso sia ricordare questi eventi,  sia condividerli all’interno ciascuno della propria comunità.

Credo che nei fatti esista un patrimonio collettivo  acquisito e condiviso di valori e di un passato comune: nessuno in Italia pensa che si stesse meglio sotto il Fascismo o che le foibe non siano mai esistite, ad esempio.

Ma perchè tanti se ne chiamano fuori oppure se ne appropriano sbraitando? Io un’idea ce l’avrei: è tutta una questione di calcolo.


 

Info alessandrolanteri
Un ottimista che si presta a fare politica per passione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: